News: Parchi

Il tuo Parco Giochi è sicuro e rispetta le normative Europee?

Come capire se i parchi gioco sono sicuri

Per i bambini (e le famiglie) l’arrivo della primavera significa soprattutto una cosa: altalene, scivoli, giochi a molla, casette, dondoli. Insomma: parchi gioco all’aperto.
La scelta di dove portare i propri figli – soprattutto in settimana – spesso è condizionata dal tempo e così l’opzione principale diventa sempre l’area giochi vicino casa o nei pressi della scuola, quella presente da anni.

Va bene la comodità, va bene la nostalgia perché magari su quello scivolo, sulle altalene o sui castelli abbiamo trascorso anche la nostra infanzia, ma è importante capire il livello di sicurezza di questi parchi all’aperto a portata di mano.
Nel caso di parchi gioco pubblici è chiaramente il Comune di competenza ad essere responsabile sia della manutenzione ordinaria che di quella straordinaria legata, ad esempio, all’adeguamento alle misure di sicurezza.

E dunque: presenza della pavimentazione antitrauma sotto scivoli, altalene, casette, torri superiori ad un’altezza di 60 centimetri. Inoltre il tappeto in gomma deve avere un’altezza tra i 3 e i 10 centimetri, in modo che il pavimento antishock possa assorbire l’impatto minimizzando così il rischio traumi. Può capitare molto spesso di vedere parchi gioco “storici” in giardini comunali presenti da sempre e dunque con un tappeto gommato ormai usurato dagli anni e dalle intemperie. Un rimedio peggio del male in questo caso, poiché le mattonelle in gomma ormai anziane perdono la loro naturale funzione antitrauma e indurendosi fanno quasi peggio dell’asfalto.

parco giochi pubblico

Non si tratta dunque di essere apprensivi impedendo al proprio bambino di salire sugli scivoli, fare le rampicate sulle palestrine multiattività o usare altalene e castelli. La stretta sorveglianza dei genitori resta in assoluto il migliore antidoto a qualsiasi incidente, ma occorre essere consapevole innanzitutto dei rischi, e che dunque il terreno del parco anche se ricoperto dall’erba non è sicuro quanto una pavimentazione antitrauma, non ha le stesse funzioni “assorbenti” di una specifica gomma antishock e che il tappeto (eventualmente presente), alla pari di tutti i giochi per bambini presenti al parco deve essere soggetta a verifiche e manutenzioni.

Con la bella stagione ormai alle porte un occhio più attento (e una telefonata in Comune) potrebbero rendere i nostri figli ancora più sicuri. E i genitori più tranquilli. D’altronde si tratta di far rispettare la legge, le amministrazioni garantendo la manutenzione hanno un registro si tutte le attività ad esse legate. È per i diritti (e la salute) di tutti.

Ovviamente noi di Giwa siamo in grado, grazie alla nostra pluriennale esperienza, di offrire soluzioni vantaggiose sia per la realizzazione di parco giochi sia per la svelta della pavimentazione più appropriata. Non esitate ad entrare in contatto con noi per ricevere informazioni o per richiedere un preventivo gratuito.

 

L'autore

Laura Montingelli

Laura Montingelli è nata a Milano nel 1974.
Laureata in Lettere moderne, ha lavorato in diversi Studi milanesi di progettazione architettonica in qualità di Office manager, occupandosi anche di aspetti inerenti la comunicazione.
Ha inoltre al suo attivo varie collaborazioni come redattrice con riviste cartacee e digitali di architettura e design, arte contemporanea e musica.

Lascia un commento

×