fbpx

News: Pavimentazioni

5 motivi per considerare l’applicazione del prato sintetico nella tua casa

Prato Sintetico

Il prato artificiale è stato creato all’inizio degli anni ’60 e viene fabbricato utilizzando processi di produzione simili a quelli utilizzati nell’industria dei tappeti. Con il passare degli anni e l’avanzamento della produzione il prodotto è stato ottimizzato e si trovano in commercio ottimi rivestimenti di ultima generazione, trattati in maniera specifica.

II prato sintetico viene molto spesso trascurato nei progetti di giardinaggio, principalmente a causa della sua ingiusta reputazione di essere un’alternativa poco interessante e “pacchiana”. Ma, con le nuove tecnologie, l’erba sintetica si è evoluta così tanto da sembrare molto simile a quella vera e, in alcuni casi, non si capisce la differenza finché non la si tocca con le mani.

Di che materiale è fatto il prato sintetico?

La qualità delle materie prime impiegate è fondamentale; solitamente vengono utilizzate fibre composte al 100% da polietilene vergine, che è più resistente ai raggi ultravioletti e all’usura ed è più morbido al tatto, risultando meno abrasivo di quelli utilizzati un tempo.

Grazie a questa sua enorme versatilità è stato ampiamente utilizzato in parchi giochi, centri commerciali, appartamenti, balconi, box di crossfit, campi da calcio, campi da golf e tanto altro.

I vantaggi di questo tipo di rivestimento vanno ben oltre l’estetica!

5 motivi per cui dovresti scegliere un prato sintetico per la tua casa

applicare un prato sintetico

1 – La potatura sarà un ricordo del passato

Una delle cose che richiede più tempo e denaro per chi possiede un giardino è la potatura. Dopo tutto, alcuni tipi di erba naturale hanno una crescita rapida e quindi necessitano di tagli e concimazioni costanti.

D’altra parte, l’erba sintetica non cresce, quindi rimane pulita e in ordine per tutta la vita. Un altro punto positivo è che puoi scegliere l’altezza ideale per la tua casa, così il tuo prato avrà esattamente l’aspetto che desideri, senza fatica!

2 – Dì addio agli sprechi d’acqua

Una curiosità interessante da raccontare è che un campo da calcio con erba naturale deve essere irrigato settimanalmente (a seconda del clima), il che genera l’uso di circa 15.000 litri di acqua, a seconda della specie di erba.

Ovviamente, non serve ricordare che il prato sintetico non ha bisogno di irrigazione; questo ti farà risparmiare tempo e, soprattutto, manterrà bassa la bolletta dell’acqua.

3 – Niente fango nei giorni di pioggia

Sai già che nei giorni di pioggia la terra a contatto con l’acqua diventa fangosa e ci vuole quasi un miracolo per rimuoverla dai vestiti, tappeti e altri oggetti che possono essere colpiti.

Con l’erba sintetica, invece, le superfici sono così durature da poter resistere anche alla pioggia più torrenziale senza danni!

4 – Un rivestimento perfetto per bambini e animali

Non solo gli adulti godranno dei benefici descritti sopra, ma anche i bimbi e gli animali. I prati sintetici, solitamente, sono fatti in materiali atossici e antibatterici, che trattengono la proliferazione di organismi indesiderati, aiutando a prevenire la diffusione di germi e odori sgradevoli.

prato sintetico anallergico

Un’altra ottima caratteristica è che l’erba artificiale funge da ammortizzatore, molto utile per i parchi giochi dei bambini, perché rende il terreno ancora più morbido e sicuro in caso di cadute.

Inoltre, l’erba sintetica è ottima anche per le persone con allergie, poiché non rilascia polline come fa l’erba naturale.

5- Un ambiente estetico tutto l’anno

La maggior parte degli ambienti che hanno erba naturale sono belli solo in pochi periodi, se non ricevono una manutenzione costante, visto che se calpestato frequentemente, il manto erboso, può danneggiarsi.

Con l’erba sintetica la storia è diversa: alcuni di questi rivestimenti hanno anni di garanzia, quindi probabilmente il tuo pavimento sarà meraviglioso per molto tempo, ovviamente se mantenuto correttamente.

Desideri avere maggiori informazioni sul prato sintetico? Leggi anche questo articolo.

L'autore

Giwa Walter

I commenti sono chiusi.
×