News: Protezioni

Protezioni murali e copricaloriferi: colorati e sicuri

La sicurezza all’interno di scuole e palestre

Quando parliamo di mettere in sicurezza un luogo intendiamo tutti quei processi o tutti quei dispositivi che ci consentono di porre un luogo in condizioni tali da poter essere fruito da bambini di qualsiasi età in fase di gioco, svago o sport in totale tranquillità e distensione.

Proprio sotto quest’ottica una parte importante di questo processo è occupata da quei sistemi pensati per tutelare i bambini in caso di incidenti o cadute: parliamo delle protezioni murali antitrauma e dei copricaloriferi; questi sistemi, insieme alle pavimentazioni antitrauma vanno a completare la scelta dei materiali da impiegare nelle aree da gioco o ludiche sia che esse si trovino all’interno sia all’esterno.

Nelle tipologie di aree sopra citate, che siano spazi per il gioco o aree dedicate allo sport, i punti di probabile impatto devono necessariamente essere rivestiti con materiali ad alta capacità assorbente ed inoltre non presentare spigoli, sporgenze o ostacoli.

Le Protezioni murali

Le protezioni murali modulari hanno la caratteristica e la capacità di assorbire ed armonizzare l’impatto, aumentando al tempo stesso il potere fono-isolante dello stabile.

protezione eva antiurto

Che caratteristiche deve possedere una protezione murale antitrauma?

Le protezioni murali antitrauma sono dispositivi ad alta capacità di assorbimento degli urti e proteggono in caso d’impatto accidentale o spinte violenti verso le pareti; il materiale con cui è composto il rivestimento murale deve possedere caratteristiche specifiche: ad esempio resistenza agli acidi inorganici, agli olii, ai grassi ed inoltre non assorbire i liquidi, dev’essere un buon isolante termo-acustico, confortevole e realizzato con componenti antimuffa , antibatterici ed infine idrorepellenti all ‘acqua .

Le protezioni per le pareti hanno un grande vantaggio, ovvero la possibilità di poter essere adattate ai diversi ambienti. Essendo modulari e colorate infatti, permettono di mettere in sicurezza un ambiente donando perfino un tocco di allegria e riuscendo a trasformare anche gli ambienti più neutri in colorati e vivaci luoghi in cui i bambini possono giocare, partecipare alle diverse attività didattiche, interagire tra di loro ed essere guidati in totale sicurezza.

Come detto precedentemente, le protezioni murali sono adatte sia all’uso interno sia a quello esterno e sono costituite da materiale atossico o ignifugo .

La Normativa di riferimento

Il rivestimento deve rispettare i requisiti richiesti dalla NORMA UNI EN 913 e consentire di proteggere i bambini o gli atleti da eventuali spinte, cadute e scivolamenti.

Queste protezioni vengono richieste, per regolamento, anche dalle società sportive per garantire maggiore sicurezza durante l’allenamento o il gioco all ‘interno di palestre.

Posa in opera e manutenzione

La posa in opera, attraverso l’utilizzo del collante, è resa più agevole dal sistema d’incastro dei vari moduli ( solo su alcuni modelli ) e la differente gamma disponibile di colori, come detto permette composizioni e soluzioni creative negli ambienti.  Infine, per quanto riguarda la manutenzione, la pulizia è molto semplice e rapida e può essere effettuata comodamente con un panno umido e se necessario con l’aggiunta di detergente neutro.

I Copricaloriferi

Ulteriore sistema da integrare alle protezioni murali sono i copricaloriferi, il loro utilizzo è finalizzato alla creazione di una zona di sicurezza che protegga i bambini da un eventuale calore eccessivo dei termosifoni.

Anche questi dispositivi sono colorati e sicuri e permettono di creare un ambiente interno adatto ai bambini: i copricaloriferi sono dispositivi antischeggia ed in commercio ne esistono di svariate dimensioni.

copritermosifoni

La Normativa di riferimento

Realizzati in tubolare di polivinilclorulo- PVC – atossico e ignifugo classe 1 – la struttura è ulteriormente irrigidita da un profilo d’acciaio inserito nel tubolare orizzontale superiore, garantendo così una maggiore stabilità. Ideale per asili e scuole materne, protegge i bambini in caso di urti accidentali e ferimenti dalle parti sporgenti dei radiatori e termoconvettori in conformità del decreto Legislativo 9/04/2008 n. 81, in quanto sono assenti spigoli.

Rispondente a quanto richiesto dal Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro D.Lgs. 81/2008. Costituito da materiale antiurto ed ignifugo, senza alcun inserto rigido in metallo. Conforme alla normativa EN 1176 e EN1177, rispondente alle “Norme di prevenzione incendi nell’edilizia scolastica”.

La distanza tra gli elementi verticali è pari a 7 cm., in conformità rispetto alla normativa UNI 10809 3.3, il tutto per garantire la “inattraversabilità” delle protezioni.

La struttura aperta favorisce la circolazione dell’aria calda e un ottima circolazione del calore.

Conclusione

Le protezioni antitrauma sono dispositivi necessari in tutti quegli ambienti dove è essenziale evitare ogni pericolo: parchi giochi, centri sportivi, asili, scuole e perfino le abitazioni.

Per garantire il benessere di tutti fruitori è fondamentale quindi pensare e successivamente organizzare l’ambiente destinato allo svago o allo sport in modo adeguato, dotandolo di tutti i necessari accorgimenti che possono permettere ai bambini di giocare in sicurezza.

L'autore

Arch. Roberto di Donato

Ho conseguito la Laurea Magistrale in Architettura presso la Facoltà “G. d’Annunzio” di Pescara, precedentemente diplomato Geometra presso l’ I.T.G. di Teramo. Successivamente ho avuto la possibilità di vivere appassionanti esperienze di formazione, presso diversi studi di architettura della regione. Professionalmente ho spaziato dall’allestimento d’interni alla progettazione esecutiva di opere pubbliche e private.Da sempre impegnato in concorsi di idee, architettura e design.

Nel corso degli anni ho partecipato a numerosi viaggi di studio in Italia ed Europa, per approfondire e fotografare le principali emergenze architettoniche presenti; sostenitore del FAI e membro attivo di Legambiente. Appassionato di fotografia, web writing e social media.

Lascia un commento

×